Il Re degli inganni – Simona Friio

Tra castelli e battaglie nel ducato di Milano una novizia senza famiglia e indomita si fa uomo per conquistare la libertà. Nei panni di un giovane acuto e intraprendente, tenta di ritagliarsi un posto nel mondo a spese di un cavaliere saldo e tetragono, con in mano un caldissimo cuore.

Dettaglio sinossi:

È il 1387 quando Alma della Casa di Pietà raggiunge la Val d’Ossola, lasciando l’abbazia dove, sotto mentite spoglie, ha appreso gli insegnamenti dei monaci di San Gallo. La sua ambizione è emanciparsi, riscattarsi da una condizione debole e umiliante perché le femmine non sono buone a niente, questo le dicevano le consorelle prima che fuggisse dal convento natio.
A Candoglia si presenta con lo stesso nome con il quale si è ritagliata un posto alla scuola dell’abate Remigius, Goffredo, ed è in cerca di un impiego.
La cava nei pressi del monte Orfano si dice che dia lavoro a molti. A Milano si sta costruendo la cattedrale dei Visconti e tanta operosità sembra fatta proprio al caso suo. Il Maestro di pietra, Rodolfo Della Terra, accetta di arruolarla nella squadra, ma le affida mansioni leggere. Si è accorto subito del suo fisico da signorino…
Alma, affascinata dalla vita in cava, entusiasta della vita in generale al di fuori di un convento, si lascia stregare dalla quotidianità di una realtà rurale fatta di cose semplici. Impara ad apprezzare le persone e le loro debolezze. Tocca con mano la sofferenza e il dolore, quando la peste arriverà a mietere centinaia di vittime. C’è una cosa, però, che ostacola il suo desiderio di emancipazione: i sentimenti che nutre verso Rodolfo Della Terra… Ed è sotto il peso di quel segreto che Alma lascia Candoglia e approda a Milano, la città per eccellenza, il regno dei Visconti.
A causa di un equivoco, però, è imprigionata nella fortezza, dove conosce Francesco Novello detto il Carrarese, erede della Signoria di Padova. Nonostante le condizioni e l’avversa circostanza della prigionia, fanno conoscenza. Escogitano un piano ed evadono, ma lei è costretta a rivelargli la propria identità.
Il clima che si respira è foriero di sventura. La minaccia di un’altra guerra per la conquista dei territori è alle porte e la questione papale si riaccende: Avignone o Roma? Gli eserciti sono in marcia verso Alessandria.
Rodolfo, con il suo piccolo esercito di picasass e contadini, si unisce alle milizie viscontee per combattere contro lo stesso Carrarese. E contro di lei…

 

Maestri di Pietra medioevali

 

Recensione:

Il romanzo ha come ambientazione gli ultimi anni del ‘300, siamo quindi in pieno Medioevo: epoca in cui le donne erano relegate ai margini della società. Nel Medioevo nascere donna era una vera e propria sciagura, uno scherzo della natura, un qualcosa di cui vergognarsi per tutta la vita. Spesse volte era un enorme problema per il capo-famiglia occuparsi della “gestione” delle donne di casa, soprattutto quando le figlie femmine erano numerose. Avere una o più figlie significava procurare una dote per ambire a un buon matrimonio e chi non poteva permettersela era costretto ad inviare la figlia, o le figlie, in convento. Queste donne erano quindi costrette alla “monacazione forzata”. Vi era poi un altro fenomeno, quello dell’abbandono che, se vedeva gli esposti (così venivano chiamati i bambini abbandonati) maschi uscire dagli orfanotrofi/conventi, per le bambine abbandonate difficilmente vedeva lo stesso, molte di loro sarebbero diventante novizie e, conseguentemente, monache; altre potevano essere adottate ed avviate alla professione di serve. Poco altro era concesso a queste doppiamente sfortunate ragazze.

Nel romanzo di Simona Friio troviamo un’esposta che non ci sta alle regole del sistema che la vuole obbligare ad essere quello che non è!

La protagonista del romanzo si chiama Alma, o forse Goffredo. Nelle vesti di un uomo diventa “il re degli inganni” ma finalmente libera ed emancipata. Può farsi una cultura, può cercare di costruirsi un futuro e di essere indipendente; ma a quale prezzo? Quando si troverà di fronte al vero Amore saprà riconoscerlo? e come si comporterà? Come farà a non svelare il suo segreto? Non sarà certo facile per lei, ma le vicissitudini la porteranno a scoprire se stessa, alla ricerca di quell’io interiore che difficilmente potrebbe venire fuori.

Il romanzo si snoda in quattro macro-capitoli a loro volta suddivisi in piccoli capitoli. La scrittura è veloce ed è proprio il caso di dire che “una pagina tira l’altra”. Non ci sono incongruenze storiche. Il Medioevo è stata una location ottima per questa narrazione.

La trama è avvincente e appassionante, nonché molto coinvolgente. I personaggi sono descritti benissimo, i dialoghi scorrono veloci e le parti narrate non risultano mai pesanti o noiose, nemmeno quando sono abbastanza lunghe.

L’autrice destreggia in maniera ottimale la parte storica e quella rosa del romanzo.

Personalmente ho apprezzo moltissimo che, finalmente, il protagonista di un romanzo storico-medievale fosse una donna e che le battaglie facessero la loro comparsa quasi al margine del racconto.

Ho apprezzato davvero tanto questa lettura. Spero di poter leggere nuovamente un romanzo storico-medievale di Simona Friio perché ne vale davvero la pena.

Lettura super consigliata! Adatta anche ad un pubblico meno esperto che si sta da poco avvicinando all’epoca Medievale.

 

Titolo: Il Re degli inganni

Autore: Simona Friio

Editore: Independently published

Pagg. 526

LINK

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.