Isabel Giustiniani

Proveniente dal settore informatico ma con una mai sopita passione per la storia, Isabel Giustiniani, dopo un quinquennio trascorso in Portogallo, vive attualmente in Australia ai margini della rainforest condividendo gli spazi casalinghi con figli, marito, cane e ospiti indigeni erranti quali gechi, pappagalli, possum e – purtroppo – ragni.

Fondatrice di storiedistoria.com, si dedica in prevalenza alla narrativa storica ma ama spaziare anche nel fantasy/sci-fi. È tra gli autori selezionati dall’Associazione Culturale Extravergine d’autore. La migliore selezione di libri indipendenti.

Sito autore personale www.isabelgiustiniani.com

Vedi i libri di Isabel

 

Giampiero Lovelli

Saggista e neoborbonico, si è laureato in Lettere ed in Scienze Religiose con diversi master in Storia e Letteratura Italiana. Ha conseguito il dottorato in “Historia Universal” con il massimo dei voti (Magna Cum Laude).

Bibliofilo da sempre appassionato di Storia, romanzi storici e saggistica.

Ha scritto “Rerum antiquarum et byzantiarum fragmenta”, “Le grandi battaglie dell’antichità”, “Conoscere il mondo antico Vol.I e II” e “El Faraón Akhenatón. Entre la historia y la imaginación, entre la ciencia y la fantasía (La huella digital).

 

 

 

ALTRI AMICI APPASSIONATI DI STORIA DI CUI POTETE LEGGERE GLI ARTICOLI

 


Andrea Contorni Rocchi
: Studia presso la Facoltà di Lettere dell’UTIU, indirizzo “Operatore dei Beni Culturali”. Collabora con i siti storico-culturali “Storie di Storia” e “Storia e Società” . Il suo sito personale è “Mondi Antichi” (www.mondiantichi.it)

 

 

 

Andrea Di Lenardo: classe 1994, nasce a Gemona del Friuli (Ud) il 12 aprile. Musicista, batterista da quando aveva sette anni in particolare, in diversi progetti (allo stato attuale nella band post-punk/wave La Haine, con tre dischi pubblicati, e un nuovo gruppo che a breve lancerà il suo album di esordio), fin dall’infanzia sviluppa interessi culturali, artistici, musicali, letterari, storici, filosofici e verso lo studio della spiritualità, le religioni e l’esoterismo. Dai 14 anni inizia a scrivere per la stampa (Messaggero Veneto) ed è ospite fisso a trasmissioni radiofoniche (Radio Onde Furlane) e televisive (TeleFriuli), e si aggiudica premi e riconoscimenti a concorsi letterari e filosofici, tra cui si ricordano il concorso intercontinentale “Colloqui Fiorentini” con la tesi È tutta questione di metodo in studi danteschi, nel 2009, e un certamen filosofico con un elaborato sul nichilismo, nel 2013. Si diploma al Liceo Classico, sempre nel 2013, e studia Storia all’Università “Ca’ Foscari” di Venezia. Nel luglio 2016 viene pubblicato il suo primo saggio storico, Israeliti e Hyksos, e a ottobre dello stesso anno il secondo, Exodus. A febbraio 2017 è tra i relatori, con la sua tesi Il corpo tra politica e religione. Circoncisione e alimentazione nel dibattito del cristianesimo di I sec., del seminario “Poikilia” di Storia delle Religioni, a “Ca’ Foscari”. Fra le altre attività di presentazioni, conferenze, interviste sul web e trasmissioni in televisione e radio (Udine, S. Giorgio di Nogaro (Ud), Firenze, Perugia, Roma, Caserta), si segnala che attualmente sta lavorando ad altri saggi di prossima pubblicazione, scrive per diversi siti (Storie di Storia, Il Sapere, Notizie Nazionali, Apocalisse Laica, il suo blog personale e il sito della casa editrice Altera Veritas, per cui è webmaster) ed è ospite fisso alle trasmissioni “Riflessioni sulla Massoneria” e “Medicina e salute tra scienza e anima” su radio Ciadd News.

Qui la sua intervista.

 

Antonio Crasto: laureato in Fisica all’Università di Torino. Specializzato in geofisica e fisica dell’atmosfera. Ufficiale (Colonnello) geofisico in pensione del Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare. Appassionato di antiche civiltà, astronomia e fotografia. Da oltre 20 accanito studioso della civiltà egizia. Esperto di calendari e cronologia egizia, ha messo a punto una nuova definizione del calendario religioso egizio e definito una nuova cronologia lunga (Manetone / Crasto). Autore dei saggi sull’antico Egitto: Hassaleh – L’occhio di Horus. Manetone aveva ragione!, Dendera. La sacra terra della deaI Mitanni alla corte dei faraoni, libri dei quali si possono leggere gli indici e alcune note sul  sito www.ugiat-antoniocrasto.it

 

Chiara Luna Galimberti: studentessa 23enne, cresciuta con la passione per i libri e per tutto ciò che da essi si può imparare.
Pur avendo una formazione di tipo economico-finanziario, ha sviluppato un grande amore per la Storia in tutte le su sfaccettature, in particolare per quella Romana e Medievale. Attualmente impegnata nell’approfondimento della Storia e della Cultura Arabo-Islamica e nello studio della lingua Araba, anche grazie all’attivismo per i diritti umani in Medio Oriente e alla collaborazione nella diffusione di progetti umanitari in favore di Iraq, Siria e Palestina.
Alle prime esperienze con il mondo delle recensioni e dei blog. Nostalgica di carta e penna, ma pronta ad aprirsi al mondo dell’informazione online.

 

Emanule Rizzardi:  nato a Legnano (Mi) nel 1990. Laureato in lingue presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e lavora come professionista del marketing nel settore informatico. Appassionato di Storia fin da bambino, coltiva un interesse autodidatta particolare per il medioevo bizantino e per il Caucaso, si è formato sui saggi dei più noti storici contemporanei e non.

L’ultimo Paleologo è il suo primo romanzo.

 

 

 

Enrico Pantalone: webmaster del sito Storia e Società, è laureato in Scienze Politiche con indirizzo storico generale, tesi di Diritto Medievale sulla Teoria della sovranità nella lotta tra Federico Barbarossa ed i Comuni della Lega Lombarda. Ricercatore free-lance, attualmente rivolge i suoi studi alle tematiche riguardanti la crescita delle società  durante lo sviluppo delle  varie civiltà , interagendo l’analisi storica con quella sociologica ed antropologica. Membro dal 1992 della National Geographic Society, dal 2002 del Conservative History Group (diretto da Iain Dale del Partito Conservatore Britannico).

 

Federico Sanapo: saggista e ricercatore, laureando in Archeologia Medievale presso l’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” , è uno scrittore italiano pugliese. Tra le sue pubblicazioni si annoverano “Storia in Sabbia del Re: indagine sul Santo Graal” (ilmiolibro.it 2012) e “San Giovanni al Sepolcro: il segreto dei Templari” (ilmiolibro.it 2013). Con questo titolo Federico si è aggiudicato il “Premio Nazionale per la Ricerca nel Mistero 2013” consegnatoli ad Aprile 2013 a Roma e, nel dicembre 2013 sempre, il “Premio Eccellenza del Territorio 2013” consegnatoli a Lecce. Inizia la sua carriera di ricercatore accostandosi al mistero, nel 2014 pubblica il suo terzo lavoro “Le Pietre della Memoria” (2014, YouCanPrintEdizioni Tricase) una indagine storico-archeologico sui monumenti e la topografia della Brindisi templare. Ha collaborato per importanti riviste, come “Il Giornale dei Misteri” in cui ha pubblicato un abstract delle ricerche sul Tempio di San Giovanni al Sepolcro a Brindisi nel 2013. Recentemente è stato autore di un articolo dal titolo “Note sull’Osanna (Sannai) di Tuturano alla luce delle recenti ricerche archeologiche” pubblicato per Brundarte. Vive a Brindisi, dove lavora e collabora a progetti di storia e archeologia locale, ed è laureando presso l’Università degli Studi di Bari in Archeologia Medievale.

 

Grazia Maria Francese: nata a Novara il 30 luglio 1955. Laureata in Medicina, pratica da una trentina d’anni Zen e Kendo (scherma giapponese). Affascinata dai guerrieri antichi, tanto quelli del nostro medioevo quanto i samurai. Il loro modo di affrontare la vita, che a ben guardare si somiglia in modo sorprendente, ha un’ampiezza e una profondità inimmaginabili nella nostra epoca. Amo viaggiare nel tempo e nello spazio allo scopo di incontrarli. Ha pubblicato finora tre romanzi storici, i primi due (Langbadar – sole rosso e L’uomo dei corvi) ambientati in età longobarda e il terzo, Arduhinus, nel X-XI secolo. Sto raccogliendo materiale per un nuovo romanzo, questa volta nello scenario del Giappone di Oda Nobunaga (1570-1582).

 

Luca Capovaro Varinelli: Nato ad Alzano Lombardo in provincia di Bergamo, vive a Bergamo ed è laureato in Giurisprudenza. Nutre una viva passione per la letteratura, il cinema, la storia, le leggende, il folklore e i misteri. Gestisce la pagina Facebook “Il Varo del Capovaro”.

 

 

 

Sergio Bertoni:  nato a Roma (1935), a soli due anni fu trasferito con la sua famiglia a Padova, dove ha trascorso la sua fanciullezza subendo, il terribile periodo della guerra e sopravvivendo a otto bombardamenti tra i quali quello della sua abitazione. Conserva di quel periodo un ricordo vivissimo di cui si trova traccia in alcuni suoi romanzi (L’Intruso). Trasferitosi, verso i quattordici anni, prima a Reggio di Calabria, dove ha frequentato il ginnasio e il liceo classico, e poi a Messina, si è definitivamente stabilito, per motivi di lavoro, a Napoli, che è diventata la sua città adottiva, fin dal 1961.
Laureatosi in lingue e letterature moderne a Milano, con una tesi di ricerca su “Candida” di George Bernard Shaw, ha ora, dopo una vita di lavoro, tutto il tempo necessario per dedicarsi alle grandi passioni della sua vita: la lettura e la scrittura.
Tutti i suoi scritti sono reperibili e acquistabili QUI, su Amazon.it

 

Silvia Causale: Nata a Catania, classe 1982, cittadina del mondo. Laureata in Lettere Moderne, specializzata in Storia e critica del cinema e Storia contemporanea. Amo la storia sin da bambina e sono convinta che la memoria e il ricordo siano un dovere imprescindibile da portare avanti. Viaggiatrice per passione, tra i miei interessi: la scherma storica siciliana e la questione Nord-Irlandese.

 

 

Veronica Ambrosino: classe 1993. Nel 2017 si laurea in Scienze storiche e del Patrimonio Culturale presso l’Università di Siena. Nel 2019 ha partecipato al Congresso Nazionale di Storia della Farmacia con il suo articolo “La Spezieria dell’Ospedale del Santa Maria della Scala di Siena: le spezie, la cura” .

Dalla sua passione per la storia medievale sono nati la sua pagina Facebook e il suo blog Recensioni medievali. Di Veronica Ambrosino”.