Elisa Fiore Marochetti ha frequentato un master in Egittologia presso l’Università di Oxford ed il dottorato in Egittologia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. È stata docente di Egittologia presso le facoltà di Lingue e Letterature straniere dell’Università degli Studi di Torino e di Lettere dell’Università degli StudiContinua a leggere

La Testa di Tutankhamon bambino, o Testa di Nefertum, è un reperto archeologico che rappresenta il faraone Tutankhamon nella sua infanzia. Fu trovato nella tomba del suddetto faraone (KV62) nella Valle dei Re ed è l’unica immagine certa di Tutankhamon da bambino. È attualmente esposta al Museo Egizio del Cairo.Continua a leggere

Il Papiro Harris (o Grande papiro Harris o Papiro Harris n.1) risulta essere un testo scritto egizio di epoca remota, custodito al British Museum, di lunghezza superiore ai 40 metri[1]. Venne molto probabilmente scoperto nei pressi del mastodontico edificio, dedicato al culto di divinità pagane, di Medinet Habu[2], del qualeContinua a leggere

Mark Collier è docente di Egittologia presso l’Università di Liverpool ed è un componente dell’All Saints College ad Oxford. Bill Manley insegna Egittologia all’Università di Glasgow, è Research Associate ai Musei Nazionali di Scozia e Honorary Research Fellow presso l’Università di Liverpool. Di particolare importanza, per una piena comprensione delContinua a leggere

Il Papiro giuridico di Torino (o papiro legale di Torino o papiro della congiura dell’harem[1]) risulta essere un testo scritto egizio di epoca remota, custodito al Museo Egizio di Torino[2], che prende in esame le cause contro i congiurati che cercarono di assassinare Ramses III[3][4] (Tebe, pressappoco 1218/1217 a.C. –Continua a leggere

Il favoloso tesoro rinvenuto nella tomba del faraone Tutankhamon (XVIII dinastia,  circa 1300 a.C.) contiene diversi pezzi straordinari. Uno di questi è una lampada di alabastro finemente lavorata, ricavata da un pezzo unico di calcite con eccellente maestria, e rinvenuta nella camera sepolcrale del faraone, poggiata a terra nell’esiguo spazioContinua a leggere

Damiana Spadaro è autrice di saggi, web journalist e ricercatrice in Italianistica. Ha ottenuto la laurea in Scienze della Comunicazione all’Università di Torino e in Scienze dei Beni culturali indirizzo Archeologia all’Università di Catania. Al Centro Lab di Roma ha conseguito la specializzazione in giornalismo e tecniche audiovisive. Al momentoContinua a leggere

Con il racconto del ritrovamento del suo sepolcro, siamo giunti all’atto finale della grande storia di Tutankhamon, iniziata nell’antico Egitto ai tempi della XVIII dinastia. Parti de Il romanzo di Tutankhamon: 0.1 Il marchio di Sekhmet 0.2 La Città dei Morti  0.3 Il sigillo di Anubis  0.4 La tomba del canarino (nuova edizione)Continua a leggere

Nakhtmin (pure Minnakht), venuto alla luce ad Akhmim[1][2], fu il comandante supremo delle milizie egiziane mentre era a capo del Paese delle Due Terre il sovrano Tutankhamon[3] (1341 a.C. pressappoco – gennaio/febbraio 1323 a.C. più o meno). Fra i suoi titoli, sotto il governo del faraone bambino[4] (Tutankhamon)[5], è opportunoContinua a leggere