Le guerre di Roma contro i Parti – Rose Mary Sheldon

L’autrice del testo preso in esame è Rose Mary Sheldon (22 ottobre 1948, dottorato in Storia antica all’Università del Michigan). Ha studiato a fondo la storia dello spionaggio e al momento è capo del dipartimento di storia al Virginia Military Institute. Ha pubblicato numerosi volumi, tra i quali è doveroso ricordare Guerra segreta nell’Antica Roma (2008) e Guerra segreta nell’antico Israele: spie nella Bibbia (2008). Abita a Lexington (Virginia).

 

Cavaliere partico in armatura pesante che combatte un leone

 

Di particolare importanza per una piena comprensione dell’opera Le guerre di Roma contro i Parti (data alle stampe in lingua italiana nel mese di aprile del 2018) risulta essere la presentazione della stessa da parte dell’editore nella quarta di copertina. Nella medesima l’editore afferma che: «Lo studio colma finalmente una lacuna della storiografia degli ultimi decenni, dedicandosi con precisa passione all’esame complessivo degli scontri tra Roma e l’impero partico lungo l’arco dei secoli tra la battaglia di Carre e la caduta degli arsacidi. Crasso, Antonio, Corbulone, Augusto, Tiberio, Traiano e gli altri protagonisti occidentali sono accostati alle controparti partiche in un’analisi che non si limita alla precisa ricostruzione degli scontri militari, ma tratta con ricchezza di particolari anche gli aspetti diplomatici e di intelligence, senza trascurare componenti antropologiche dei due Stati rivali che vanno ben oltre gli stereotipi del dissidio tra Occidente e Oriente.

 

Un soldato partico trascinato in catene come prigioniero di guerra da un romano; Arco di Settimio Severo, Roma

 

In queste pagine, scritte all’indomani dell’invasione irachena avviata dall’amministrazione Bush, non si cade in anacronistiche analogie, ma viene senz’altro raccolta la sfida di cogliere alcune costanti: l’importanza delle informazioni sul terreno di scontro, i limiti strategici delle azioni tese unicamente all’affermazione della superiorità di una parte sull’altra senza prospettive sul lungo termine, la debolezza di una politica che delega alla guerra la risoluzione di conflitti altrimenti dirimibili. “Il fatto che superpotenze di ieri e di oggi possano agire in modo irrazionale può insegnarci qualcosa non solo sulle forze che stabilirono i confini di uno dei più grandi imperi del mondo, ma anche su di noi. Sia Roma che gli Stati Uniti possono soffrire di quelle che P.A. Brunt chiamava illusioni imperiali».

Si ritiene che quanto detto nella presentazione del libro da parte dell’editore abbia spiegato a sufficienza scopi e finalità del testo in questione. Di grande utilità sono le tredici mappe in bianco e nero, l’elenco delle abbreviazioni e dei sovrani partici, la tavola cronologica, la corposa bibliografia e l’indice analitico. Un volume meritevole di notevole attenzione che si consiglia di leggere e/o regalare a coloro che sono interessati alla storia romana.

 

Titolo: Le guerre di Roma contro i Parti

Autore: Rose Mary Sheldon

Editore: LEG Edizioni

Pagg. 422

LINK

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.